Chi era Sarah Pardee? La storia dell'ereditiera di Winchester House

La vedova Winchester, ultima opera dei fratelli Spierig, ti aspetta al cinema dal 14 febbraio per raccontarti la storia di Sara Pardee Winchester, una delle donne più enigmatiche ed inquietanti di sempre!

UNA VITA SEGNATA DAL DOLORE

Rampolla di una famiglia benestante, Sarah Lockwood Pardee nacque in Connecticut nel 1839. Conobbe William W. Winchester, proprietario dell’omonima fabbrica produttrice delle famose carabine, e lo sposò nel 1862.

Ma a tanta ricchezza non corrispose altrettanta fortuna: la coppia ebbe la prima ed unica figlia, Annie, nel 1866, ma la bambina morì dopo poche settimane di vita. Sarah cadde in una cupa depressione, e nel 1881 perderà anche il marito, per via della tubercolosi.

LA PERSECUZIONE

Sarah ereditò la fabbrica d’armi del marito e divenne una delle donne più ricche del mondo. Tuttavia, non si riprese dai duri colpi che le aveva inferto la vita.

Dopo aver consultato un medium, convinta che la sua famiglia fosse stata colpita da una maledizione, ebbe uno sciagurato responso: per liberarsi dalla persecuzione, avrebbe dovuto costruire una casa a San Jose (California) per ospitare le anime di tutti coloro che erano stati uccisi dalle armi costruite proprio dalla sua fabbrica, la Winchester. Le fu anche predetto che sarebbe rimasta in vita solo a patto di ampliare continuamente la Winchester House, pena la morte.

LA COSTRUZIONE INFINITA PER GLI SPIRITI DANNATI

WIN_FP02_1.jpg

Sarah si dedicò per trentotto anni consecutivi alla sua costruzione, non concedendo un attimo di pausa agli operai. I lavori, però, non seguirono un progetto preciso, e la Winchester House crebbe a dismisura in maniera caotica e disordinata, con finestre che davano sui muri, scale senza sbocco e porte murate. Sarah, sempre più sola, si spense nella sua casa all’età di ottantatre anni, e solo allora i lavori si fermarono

Non perdere La vedova Winchester, ultimo film dei fratelli Spierig: dal 14 febbraio al cinema.