Helen Mirren: da Buckingham Palace alla Winchester House

Helen Mirren è protagonista dell’ultimo, terrificante film dei fratelli Spierig: La vedova Winchester, dal 22 febbraio al cinema.

AMORE PER IL TEATRO

Rampolla di una famiglia dell’intellighenzia russa, Helen Mirren non ha mai nascosto le proprie tendenze antimonarchiche. Nata nei sobborghi di Londra nel ‘45, muove i primi passi nel teatro appena maggiorenne, portando spesso in scena Shakespeare. Fino agli anni ’70 la carriera cinematografica non decolla per via dei numerosi impegni teatrali. Un amore, quello per il teatro e per i drammi shakespeariani, che si manterrà intatto durante tutta la sua carriera.

W_00012_R_1.jpg

SUCCESSI AL CINEMA

Il riconoscimento internazionale arriva nel 1984 con Cal. La Mirren interpreta una giovane vedova, della quale si invaghisce proprio l’assassino del marito. Per questa interpretazione, la Mirren si aggiudica il premio di miglior attrice al Festival di Cannes. Da lì in avanti, il lavoro cinematografico si fa incessante, e la vede recitare per registi di fama internazionale: Hackford, Greenaway, Schrader e Altman, solo per citarne alcuni.

helen mirren the queen.jpg

IL FASCINO DISCRETO DELLA MONARCHIA

Nel 1995 arriva il bis a Cannes. Altro premio per la migliore attrice conquistato con La pazzia di Re Giorgio, nel quale interpreta la regina Carlotta, moglie del re Giorgio III che, dopo la malattia del marito, resse il Regno Unito per quasi sessant’anni.

Destino insolito, quello della Mirren, antimonarchica nell’animo ma legata, per quanto riguarda i suoi maggiori successi cinematografici, proprio a personaggi autoritari. Nel 2007, infatti, la Mirren conquista l’Oscar come migliore attrice protagonista per The Queen, dove impersona un’indimenticabile Regina Elisabetta II alle prese con un Paese turbato dalla morte di Lady Diana.

Dopo una carriera costellata di successi, vieni a scoprire l’ennesima prova indimenticabile di Helen Mirren, protagonista dell’ultimo film dei fratelli Spierig: La vedova Winchester, al cinema dal 22 febbraio.