William Wirt Winchester: storia dell'imprenditore statunitense

I fratelli Spierig tornano al cinema con La vedova Winchester, dal 22 febbraio al cinema. Il film, basato su fatti realmente accaduti, narra le vicende della famiglia Winchester e dell’omonima casa infestata dagli spiriti.

ARMIERE IN ERBA

William Wirt Winchester nacque nel 1837 in una famiglia molto ricca: il padre, Oliver, aveva infatti fondato la famosissima Winchester Repeating Arms Company, fabbrica di armi tra le più importanti d’America. Nel 1862 sposò l’altrettanto ricca Sarah Lockwood Pardee e tutto sembrava si mettesse per il meglio per la giovane coppia. L’azienda Winchester, infatti, beneficiava ampiamente della Guerra Civile Americana, scoppiata nel 1861.

7027575_1401129919.jpg

UNA VITA SFORTUNATA

William e Sarah ebbero una sola figlia, Annie, nata nel 1866 e morta prematuramente. Fu un colpo durissimo per la coppia, che decise di non avere più bambini. Da quel momento in poi, William si dividerà tra le incombenze gestionali dell’azienda paterna e la cura della moglie, caduta in una profonda depressione.

Il destino parve offrire una chance a Sarah e William quando questi succedette al padre alla presidenza della fabbrica di famiglia, nel 1880. Un passo a lungo agognato, tanto che il padre Oliver aveva investito molto nell’educazione del figlio. Purtroppo, però, la presidenza durò soltanto un anno: nel 1881 William venne stroncato dalla tubercolosi. Di fatto, non ebbe mai nemmeno la possibilità di guidare la fabbrica produttrice delle storiche carabine Winchester.

IL LASCITO DI WINCHESTER

Alla morte del marito, Sarah, straziata dal dolore, si dedicò alla costruzione della celeberrima Winchester House, che da lì in avanti fu sinonimo di spiritismo. Ma decise anche di impiegare l’immensa fortuna che aveva ereditato per costruire con un ospedale per la cura della tubercolosi, il William Wirt Winchester Hospital.

La vedova Winchester, ultima opera dei fratelli Spierig, ti aspetta al cinema dal 22 febbraio